martedì 14 maggio 2013

Cynicism and apathy as “habitus” or cultural dimension in southern Italy Cinismo ed Apatia come "habitus" nel Mezzogiorno

Cynicism and apathy as “habitus” or cultural dimension in southern Italy

The idea of this article come from a interview done by Roberto Saviano about a book called “ La Bellezza e l'Inferno” published in 2009 from Mondadori Editor.
In this article I will try to define the cynicism as a cultural dimension for responding to the scarsity of ressource present in the territory of south of Italy. In this paper, the cultural dimention definition come from the work of Geert Hofstede ( 2002) as a collective programming of the mind distinguishing the members of one group or category of people from another.The cinicism represent a behavioural predisposition present inside the society, especially in south of Italy.
In this case, we have the presence of a list of many form of cynicism present inside the context of south of Italy as indicator according to Hofstede of the high degree of social distance present in this society where the cynical person don't have to justify themselves because powerful people don't need to legittimate decision. As a example, I can mentioned the case of cynicism when I am able to nominate as my close friend people with influential power in my life context.
A other way of seing the presence of cynicism as a natural response to the human jungle life is a direct correlation of the general idea that money are the more powerful indicator during lifetime.
In this case, I can interpreted the cynicism as the result of the straight of money in this context. Other case very significant for understanding people with people it's the presence of a cynical behaviour in front of the law because I can defend my self with good lawyer because I am rich enough for having this behaviour. Cynicism is the natural ally in southern Italy to “furbizia” ( it's mean to be astute with bad connotation ) as a cultural dimension present inside the society. It's mean in particular that I don't need to legitimate my behaviour because it's irrelevant in this context.
Cynicism indeed as the result of necessary closeness to the power in order to survive in this context.


The concept of cynicism represent a idea well construct inside the society, in other words information, opportunity need to be preserve more than to be spread in order to keep power in few hands. This few hands many time are relative or close friends coming from the infancy period.
Even inside the same group, it could be that people seem to be cynical in order to “appear” more poweful than other people around them. In some circumstances, peoples need to have “ good friend” in order to establish a position in power in front of the eyes. This cynical behaviour are in line with the scarcity of resource present in the territory. It's mean that this resources are scarce and are not available for many people. For that reason, the people cultivate this idea of secret in order to use for themselves or for some very near persons this information. The cynical approach are in opposite with the notion of spread information as a way of creating abundance inside the society in term of prosperity, information, advice and benefit for much persons as possible.
The cynicism is a way of looking to the world based in the certity that only the value of money can determine the world around us and for that reason I can be a “ cynical” in opposite with the idea of “sharing” inside the society because at the end of the day the idea of jungle life emerge all the time inside the context of southern of Italy. In this context, the power of money are the only one virtue without any cultural or arts presence in this landscape. This absence of arts inside the life of this human group create a lost of empathy towards the other citizens with the consequence of created more social distance between members of the society.
A other face of cynicism inside the southern society it's put in evidence by some politicians when they have to be in front of the law. In this circumstances, the influence of the social position and the possibility of having the right “connaissance” made feel this person having any risk to face for your illegal behaviour. In this case we can argue according to Hofstede that politicians don't need to legitimate there position and enjoy the social distance as a protector factor during their career life.
This attitude called in Italian “ furbizia” became the most natural ally to the cynical person because the two cultural script are in connection againt the respect of onesty and the need of integrity.
The cynical behaviour is very spread in south of the nation because it represent a way of putting a emotional distance with a other cultural script present in italian society called “ fesso” ( like stupid person). To be represented like a “ fesso” is a terror for many persons in this context of “ furbizia”.
Indeed, the notion of “connaissance” and the power are always relative to the next context and for that reason you can be always “ fesso” for a other person. This terror of to be treated like “ fesso” are always present in the ground during this kind of formal interaction. And this feeling could be present during all your entire life.
In a certain way, we can infer that the cynical behaviour could be a defence for many person with the consequences that many persons can't be just like they are because they have to protect our position in front of the eyes of other persons.
A important point to remember about the notion of cynicism is the presence of a positive connotation for many people in southern Italy because cynicism is a synonymous of to be “ furbo” with the positive consequences that I can take care of my self and other persons.
Today the cynical behaviour in connection with the social egoism had reach a extreme degree of influence into the life of southern citizen for the reason of a strong privatisation of the life. This social egoism represent a strong barrier in order to have some real change in cultural term inside the community of the southern Italians.


Apathy as a cultural response of the person in southern Italy.

The concept of Apathy, from a cultural perspective, represent a form of sadness reaction in front of the misuse of resources around you.
In front of a immutable reality, our personality live a strong emotional stress that push people with a more sensitive soul to close themself and became apathetic in front of the reality.
The apathetic persons represent a form a standby time of our energy in front of the reality and represent a tentative of auto-esclusion from a context in which we don't identify ourself or we are unable to impress our action in this context. In Italy, a very influential writer like Roberto Saviano call the context with the name of “ sistema” due to correlation of different social actor in create this state of affair.
Many time the personal apathy represent a metaphor of the territorial collective apathy because you start to think about why to be in action inside a context or “sistema” where all the elements seems to be compromise by diffuse incompetence and inability to deal with everyday routine.
This phenomena of the apathy represent a feeling of drowsiness and social inutility inside the youth mind with the consequences that peoples starts to think to be not prepare, unable to entry into a world where are present other valuable codes, other behaviour are positive and all this codes are just not teach inside the educational system.
This feeling of apathy are very spread inside the youth and unemployed community because you feel the impossibility of change inside the society like a condemnation.
This apathy is the result of the difficulty of working in network because of the cynicism value present inside the society and because of a long decade of social egoism inside society.
In order to escape from the feeling of apathy, the persons need to be conscient that alone it is impossible to achieve something important in this context where the resources are allocated in very few hands and this few hands are very careful to not expand this resources inside some not grateful groups. This situation has create a extreme amount of frustration inside the more competent youth defraud de facto of gaining opportunity from other youths or social groups choose by people in power for pursuing the future career. This context has create a important cost of social injustice for the collective face of youth persons in Italy and especially in south of the nation.
The feeling of apathy touch usually the peoples with a more important cultural capital even if nowadays with the strong economic crisis workers people can have the same feeling for other reasons like for examples: not accepted immobility from work, difficulty of accepting idea of unemployment and so forth. This social group can live the same feeling of apathy in term of closeness to the world and inadequate feelings in front of a changing world.
The apathy represent a emotional response in front of a reality in which you don't have the key access. The dimension of apathy is linked with the cultural dimension that your life are not in your hand and you live with a sense of abandonment.


Cultural scene in Italy

The societal debate in Italy have a distant emotional device because the in-group members lived in self-referential and the citizen are just a external spectator of the own future.
The public sphere are represented by the television and national press has element in strong correlation between them. In this atmosphere, the citizen are completely ignored, misled from the position of aware citizen because all the system work with the notion of self-referentiality.
This is the main reason for not speaking about the problem of everyday life because politics need only to speak about politicians not about policy. Strong social distance from the population in accord to Hofstede model of cultural analysis are a good starting point in order to understand this context. Even scandal are in a certain way functional to the politics in order to legitimate their leadership inside the society. The self-referentiality with a strong use of mass-media represent the only for politicians to legitimate their position. They don't need really to legitimate in term of what they do but more in term of mediatic exposition their presence. All this for not speaking about the citizenship and their real problems.
The only participants are some politicians, some supposed journalists is the only way for being introduce in this circle of self-referentiality.
In very rare case, it is possible to have some interaction between politicians and citizens. In this situation, we can see clearly a strong degree of imposition ( Brown, Levinson ,1978) between the politicians able to put into a silent position the citizen during a debate like the minister Martelli with a citizen-spectator inside the television show Anno Zero as a result that in cultural term, we can assume that the politician believe that the citizen are incompetent for discussing with him.
From this point of view we can think that politician have eliminated from the general media any kind of important information with the consequences that politicians can think that people don't known exactly what's going now inside the parliament. A constant element in cultural term is a lack of respect to the collective face of the citizen inside the Italian politicians.
The goal of this self-referentiality is functional to maintain the status quo, in other word pushing people to live the politics like something far from them in order to keep “ few” to manage with the affair of “many”. All the citizen not spectator will be called like “anti-politics” partisan from the in-group at the power.
The key point in this description is the unclear language use by this politicians in order to create uncertainty, ambiguity, technicality as a way of pushing outside the ring the citizen and as a result it is the best way for killing effective democracy.
All the linguistic device are well used in order to misled the citizen like for example: preventive polemics, objection premeditate, bureaucratic and business terminology in order to keep save the self-referentiality and all the cast members. They eat all the welfare state of Italy and leave nothing to the people.


Mezzogiorno as a cultural scene


Mezzogiorno as a cultural dimension mean a setting where the main problem are the daily routine. In other words, how to park a car, the long queue at the post office, the incompetence of the people, the non presence of public transportation in many place, non respect of basic politeness between person represent the main issue for understanding this context. Every day you live with anxiety the realisation of little things like to pay a bill into a post office or to wait a bus for moving into the city.
In order to mitigate all this negative aspects of life, the majority of the people use the personal relationship with people for obtaining as a favour what it's just your right. Into the south, the people don't look the employee like someone available to me but they are looking for some personal relationship with this person in order to receive a better customer service.
In Mezzogiorno, it is possible to encounter a kind of conversation called “menefreghista” ( careless in english) as a cultural response to the impossibility of change and don't want to be engaged in something too big for them. Our destiny are not in our hands is a common point inside this purpose.
In the south of Italy, the family ( for most people) are always pleased to help you as a way of keeping influence on you even when you don't live anymore inside the family house or to be very intrusive when you live inside the nuclear family like this period of the history.
A strong influential power still into the hand of television in south of Italy as i called a legal drug for keeping alive many peoples without any kind of life like desperate housewife or youth in rural province of Italy.






venerdì 12 aprile 2013

NOTION OF CULTURE IN HOFSTEDE ( ITALIAN LANGUAGE)

Secondo Hofstede (2001), la cultura va definita come la programmazione collettiva della mente, dove 'mente' va intesa insieme come:

testa che pensa
cuore che sente
mani che agiscono
con le relative conseguenze in termini di credenze, di sentimenti e di abilità.

In questo modello, possiamo risalire alla programmazione mentale di un gruppo osservando i suoi comportamenti e/o le sue pratiche di vita ma i valori culturali o la stessa cultura non possono essere colti come valori in sé.
Nel modello di Hofstede, i valori ( sono tendenze generali nella preferenza per qualcosa) sono i fini a cui tendiamo e perciò rivestono un carattere popolare, positivo e negativo, lungo direttive come il bene vs brutto, sicurezza vs pericolosità, razionalità vs irrazionalità, logico vs paradossale.
Questi valori hanno due proprietà: l'intensità e la direzione.
Se sottoscriviamo un valore, il nostro coinvolgimento può essere maggiore o minore ( una questione di intensità) e possiamo ritenerne il risultato buono o cattivo ( una questione di direzione).
I valori non sono osservabili ma lo diventano soltanto quando diventano delle pratiche di tipo culturali.
Inoltre, i valori non vivono nell'isolamento l'uno con l'altro ma formano un sistema di valori o gerarchie. Infine, tali valori si distinguono tra

  • valori desiderati, quelli che si aspira effettivamente
  • valori desiderabili, quelli cui si dovrebbe aspirare

I valori desiderati hanno una qualche connessione con i fatti, mentre i valori desiderabili ( il ' si dovrebbe' ) sono prossimi all'ideologia piuttosto che ai fatti ( ' devo' o ' devi').

Tra i numerosi termini usati per narrare le manifestazioni visibili della cultura, Hofstede (2001:10) ne cita tre, che insieme ai valori (invisibili) coprono tutta la cultura:

- rituali
- eroi
- simboli.

Potremmo definire i rituali quelle attività collettive tecnicamente inutili per ottenere degli scopi desiderati ma che sono ritenuti socialmente necessari per collegare l'uomo alla collettività.
Le cerimonie laiche o religiose e i saluti, ad esempio, hanno questo tipo di funzionalità.
Ad un secondo livello, troviamo gli eroi, personaggi veri o immaginari che posseggono caratteristiche ambite dalla cultura e quindi offrono modelli di comportamento. Possiamo fare come esempio quello di Valentino Rossi, Madre Teresa e Asterix.
All'ultimo livello, ritroviamo i simboli, le parole, i gesti, figure e oggetti i cui significati spesso complessi sono riconosciuti solo da chi condivide quella cultura. Se è vero che simboli, eroi e riti sono visibili a tutti, il loro significato culturale è però invisibile e interpretabile solo all'interno della cultura. Se guardiamo da un occhio esterno, la bandiera è solo un pezzo di tela colorata, e una parola è solo un rumore.
I valori e le pratiche, all'interno di un dato sistema costituiscono la cultura, ossia la programmazione collettiva della mente. Sia per il gruppo sia per l'individuo, la stabilità della programmazione culturale è grande, nonostante i cambiamenti siano senz'altro possibili. Come gruppo, l'origine e la stabilità vanno ricercate in una serie di fattori ecologici, fisici e sociali che sono influenzati dalla forza della natura e dell'uomo, e che dall'altra parte influenzano le norme sociali, che a loro volta portano allo sviluppo e al mantenimento di istituzioni con particolari strutture e funzionamenti.

Elementi stabilizzanti della cultura

Influenze esterne
forze della natura
forze dell'uomo: commerci, dominazioni, scoperte scientifiche


Origini → Norme della società → conseguenze
fattori ecologici: sistemi di valori strutturazione
geografia dei maggiori gruppi della e funzionamento
storia popolazione delle istituzioni:
demografia famiglia
igiene sistemi educativi
alimentazione religione
economia sistemi politici
tecnologia legislazione, ecc.
urbanizzazione
rafforzamento

Un altro punto di notevole interesse è l'aspetto storico in quanto parafrasando Hofstede 2001:12) “ la cultura come programmazione della mente è anche cristallizzazione della storia nella testa, nel cuore e nelle mani della presente generazione”.
Come per il gruppo, così anche per l'individuo la programmazione mentale tende alla stabilità.

Adesso passiamo ad un esempio di “operatività” tratto dal modello di Hofstede comparando i vari modi di pensare, sentire e agire identificando cinque dimensioni lungo le quali si dispongono le culture prese in esame:

la distanza dal potere, che considera quanto i membri meno potenti di una organizzazione, un ente o un'istituzione accettano e si aspettano che il potere sia distribuito in modo diseguale; vengono in tal modo messi a fuoco il grado di disuguaglianza con cui funziona una particolare società e la dipendenza emotiva dalle persone più potenti;


l'evitamento dell'incertezza, che considera quanto una cultura programma nei suoi membri la tolleranza nei confronti di situazioni non strutturate, nuove, sconosciute, imprevedibili; viene in tal modo individuato il grado di controllo che una società tenta di esercitare su quanto è incontrollabile;

l'individualismo, che, di contro al collettivismo, considera il grado con cui l'individuo sa badare a se stesso o rimane integrato nel gruppo, costituito di norma dalla famiglia;

la maschilità, che, di contro alla femminilità, considera la distribuzione tra i due generi dei ruoli emotivi; vengono messe in contrasto ' dure' società maschili a ' tenere' società femminili;

l'orientamento temporale, che considera quanto a lungo una cultura programma i propri membri ad accettare il differimento della gratificazione dei propri bisogni materiali, sociali ed emotivi.

Di questi dati ne estrapoliamo soltanto quelli che riguardano la nozione di individualismo:

  • riguardo alla personalità: la normalità sta nel confronto piuttosto che nella ricerca dell'armonia, e si è incoraggiati ad esprimere la felicità piuttosto che la tristezza;
  • in famiglia: i matrimoni sono basati sull'amore piuttosto che concordati, e si cerca la privacy piuttosto che la compagnia;
  • a scuola: l'iniziativa individuale viene incoraggiata piuttosto che scoraggiata, e lo scopo dell'istruzione è imparare a imparare piuttosto che imparare a fare;
  • in generale: si mette in luce l'attrazione del divertimento piuttosto che del dovere, il senso di colpa piuttosto che il senso di vergogna. 

     References

    Geert Hofstede, Culture's Consequences: Comparing Values, Behaviors, Institutions and Organizations Across Nations. 2nd Edition, Thousand Oaks CA: Sage Publications, 2001

mercoledì 3 aprile 2013

Analysing cultural dimension inside the Egyptian struggle between young revolutionaries and Muslim brotherhood.

Analysing cultural dimension inside the political struggling of Egypt.



This article refers to a article appear inside the Algerian newspaper El Watan on 23 March 2013 with the title: " la colère des "révolutionnaires" contre les islamistes s'aggrave". The anger of the youth is the result of a weak-face as a sense of abandonment and where the things do not depend on me as a cultural dimension from the Hostede model ( Hofstede, 2001).

 This feeling of "nothing done" represent in a certain measure the impossibility of reduction of social distance between people in power and people battling for social justice and political pluralism in this political scenario. The notion of time, in Mediterranean news-report reporting, like " deux ans après..." from my cultural analysis represent two necessity: the first one is a strong need of contextualisation inside a culture characterise by high-context according to Hall (1966).
 The second need is to refuse this permanent cultural dimension named "long-term orientation" in decision making. This attitude can't be adopted any more from the young revolutionaries prospective.
In this article, we see the emergence of a strong polarisation of the debate between the Muslim brotherhood as a party and the young revolutionaries. This radicalization could be a way to remove the real reason of this awakening inside many country inside the Arab world. In other words, the need of social justice and redistribution of well is not present on the political agenda of new government like in Egypt. The preference for big theory in term of cultural dimension prevent the "in-group" in power to face the everyday problems inside the Mediterranean context.
In this context, the young protesters use the violence as a way to obtain some result in a short-term orientation way putting in crisis this cultural dimension present in Mediterranean setting where the decision are taking slowly in order to tire the opposing group.
The revolution are only in the hand of " young-revolutionaries" group as a cultural trait of a "in-group" culture and the Muslim brotherhood in power are the continuity with the precedent regime as a element of "out-group" relationship. This situation represent a strong threat for the collective face of the young  revolutionaries Egyptian in search of face-acknoledgment for the righteousness of their struggle.
 In this context, we can see the impossibility of having our destiny into our hand as a typical result in the Mediterranean context in line with the Hofstede cultural model. The young protesters are fighting against a system of political repression and they are looking for more political pluralism. This discourse from the youth is located in line with the idea of citizenship present for example in Meridian Thought of Franco Cassano. In this context, this request represent a threat for the negative face of the Muslim Brotherhood with their motivation of introducing Islamic values inside the constitutional text in Egypt. This notion of " beaf" is a constant sign of long-term orientation in term of cultural dimension and a sign of a persistent social distance as a immutable point inside the relationship in societies where persons are described as a member of "inside-group" or "outside-group".
The article talk about " c'est devenue une guerre de rues" mean that the battles are searching to gain some result in short term orientation while the Muslim brother are trying to "delegitimate" the collective face of the revolutionary young. This attitude represent a way of "desintegrate" the struggle as a way of pushing away a reduction of social distance between youth and Muslim Brotherhood.
In this article, we can see this permanent tendency to see the citizen as non-competent about political affairs and in consequences it's still weak in front of the "in-groups" members of the "palazzo" as political institution ( Pasolini,1991).
On this moment, it's appear that the search for a reduction of social distance are allocated not in face of the State building but in front of Muslim Brotherhood Party building. The bitterness of a protester in my view is correlated with the feeling of impossibility to avoid uncertainty as a cultural dimension in Hofstede terms.
The political idea of the young protesters represent a need of face-acknowledgement for their values. In opposition, we see the tendency of silencing the protesters from the movement of Muslim brotherhood as a strong degree of imposition ( Brown and Levinson, 1987) in using a strong uncertainty avoidance in term of cultural dimension. This element of strong uncertainty avoidance as a tendency to intolerance in front of different idea has the consequences that peoples with different idea are dangerous for the "in-group" perception of the reality.

 This cultural dimension put in evidence the difficulty to separate idea from the way to " be with and for" a person ( Duranti, 2007) with the implication that threatening a idea means immediately threatening the need of preservation face territory ( negative face) of the interlocutors.
In all the article, the notion of power relationship is very present in the purposes of the youth manifestants.The power need to legitimate this position because on this time we have a struggle for a new asset in term of cultural dimension between power not legitimitate as a state of fact and a new kind of power where legitimacy is a important duties. This point is a crucial point in order to evaluate the benefit of this period of societal change in Egypt.

The notion of conflict is correlated with the idea that only in this situation we see the way "to be for" a person as a individual and not only as group members. When the conflict became personal, it can be translated with the idea of intolerance for different ideas and people or groups where the emergence of different idea are dangerous for our way of understanding the reality. In this circumstance, we need to eradicate different believe inside our society in term of preservation our vision of social harmony in line with our need of territory preservation.
 The political use of social media for the young protesters allow a possibility of legitimate and acknowledge the need of reduction or elimination of the social distance between youth and other groups like Muslim brotherhood or military force. The use of social media give a positive face to the movement because they create a kind of continuity with the revolt against Mubarak regime. The need of legitimate our action represent a way of reducing again social distance between young and the rest of the population. The revolt is the only way available in order to be hear into a context with strong degree of imposition ( Brown, Levison, 1987) and where the political regime can be remove only by radical change as the result of a high degree of social distance inside Egyptian society.
In this article, a young protester claims the use of religion for obtaining material and immaterial goods coming from Muslim Brotherhood against the position of the young protesters.
 In my approach, we can see a cultural dimension in this statement because the notion of religion is linked with the idea of ultimate truth and the use of religion as a argument would signify that I am right and you are wrong. The consequences  of this orientation is the possibility of deny your reality as a disbelief because in this context it's not present a relative approach to the reality and the religious argumentation permit to reinforce our "in-group" face against the young revolutionaries.
Even the notion of "liar", used by a protesters during this newspaper article, is link with the cultural dimension of a  strong uncertainty avoidance because we believe in ultimate truth in egyptian society. In line with the cultural dimension of Hofstede, the truth in a weak avoidance uncertainty context it is something to be found instead in a strong avoidance uncertainty culture, the truth are not negotiable because we belong to ultimate truth and big theoretical idea. This struggle in term of cultural dimension represent a strong threat in order to establish a possibility of dialogue between this social groups in term of offering some "face-saving" for both groups in order to re-establish face after this long time of face-loss for both side.
 This necessity of dialogue is a urge request present inside the book " Meridian Thought" of Cassano in order to create a Mediterranean area of exchange of meaning between groups that belong to different tradition.
following this article, a young called Farid claims about a "absence of rule of law" which represent a request in line with the lexicon of civic right and not from a confessional terminology.
This claim represent a threat for the need of face-acknowledgement inside the brotherhood groups where the need of introduction Islamic values inside the political life seen to be a very relevant point inside their political agenda. The employment of big theory and the use of religion represent a strong strategy in term of avoidance of social request like reduce social injustice between citizens.
In common in this article as in "The Sicilians revue" the word "absence" of the State is a strong threat in term of citizen competence as a cultural request in term of getting a sense of control over their lives.

 In this historical moment of societal change, the people in Mediterranean area feels competent instead the political authority still thinking about the incompetence of the citizen as a permanent cultural dimension inside their community. The consequences of this absence, it's a recourse to violence in Egypt as a way for groped to obtain  shortly a response in opposition with the cultural dimension of long-term orientation present inside this cultural area. In all this article appear a vocabulary coming from a civic tradition with words like: oppression, justice, injustice, social struggle, violence.
This vocabulary is clearly in opposition with the confessional understanding of the life from other party like Muslim Brotherhood and Salafist party.
The Muslim Brotherhood as a party try to mitigate ( Caffi, 1999) all this blow in term of negative face trying to delegitimate the competence of the youth changing their way to refer to the name-groups from "young revolutionaries" to "gangstar". The way to nominate group represent a very sensitive strategy for create a new agentivity of the situation ( Duranti, 2009). In this manner, Muslim Brothers put outside of the citizen competences as a cultural dimension the entire youth movement.
In this article, we encounter the notion of " true revolutionner" which imply the presence of "false revolutionary" in line with the cultural dimension of having in our hand "ultimate truth". The manifestation in the suburb of Cairo represent a form of rebalancing a relationship between the young revolutionaries and the power party of Muslim brotherhood. The legitimacy of the power for the Muslim brotherhood come from the winning democratic election took place in the country during the year of 2012. From the younger prospective, this is a reductionist way of looking to politics only linked with the electoral events. This tendency could be read as a cultural dimension where the politicians look the political context only in terms of short term orientation.This way of power legitimacy seen to be in crisis in this historical moment where most of the population would like to evaluate the ability of the government in term of offering political solution to the economics problems. The new president of Egypt, Mohamed Morsi, use his power with a strong degree of imposition as a institution in front of the positive face of the protesters. This behaviour put this president coming from the civil society in continuity with the precedent president Mubarak and in conformity with the strong social distance present between power institution and citizens.

This way of managing the social conflict represent a strong threatening to the collective face of the youth movement in term of achievement for their struggle. This struggle represent a opposition to the long term orientation culture ( Hofstede,1991 ) as a collective programmation of the mind to resolve problems in this geographical area called Mediterranean area. The youth protesters need a short-term orientation decision culture and the Muslim Brotherhood are looking for a long-term orientation decision in order to diminish the youth motivation and to preserve a sense of immutability as a cultural trait in this geographical area. The positive face situation for the youth movement can be understood in this context for example in fact like: the elimination of people happen in front of the presidential building as if the State are acting like a murderer, when we talk about the increase of economic crisis and the insecurity inside the country. This facts represent a forms of threatening to the need of positive face for the new government.
 In this context, the social situation represent a threatening for both groups in term of face acknowledgement: the government seems to paid strong cost in term of positive face because of it's inability to make political proposition and for the young movement this situation represent a threatening to the need of face-acknowledgement because their struggle have produce very few concrete results in terms of everyday problem solution. The recourse to the "street" as a cultural dimension in term of achieving in short-term orientation what need to be achieve with long-term orientation like reconciliation and dialogue between different political prospectives.
We see in this circumstances the strong tendency to avoid uncertainty with the presence of intolerance with direct consequences to eliminate the face-person linked with other political and society idea. Nora Bakr argue that the nervous situation in Egypt is correlated with a "the demonization of the other, and the trivialization of bloodshed " where demonization is a cultural dimension of ultimate truth as a strong tendency to avoid uncertainty and the trivialization mean few attention to your well-being.

The request for change can be understood in my view as a need to short-term orientation in term of solving everyday problems against a typical disposition to use social distance power in order to make long-term orientation decision as a normal behaviour in Mediterranean context.
The dilemma is to reconcile the need of economics solution and reduction of social distance in one hand and the need to Muslim Brotherhood to introduce islamic values inside the political life of Egypt.

 
Bibliography



Brown, P., Levinson, S. Politeness: Some universals in language usage, Cambridge, Cambridge University Press, 1987

Duranti, A. Etnopragmatica. La forza nel parlare, Roma, Carocci, 2007

 El Watan, (23/03/2013), Egypte: la colère des "révolutionnaires" contre les islamistes s'aggrave



Hall, E."Hidden dimension", New-York, Garden City, 1966

Hofstede, G. Cultures and organizations: software of the mind, London,McGraw Hill, 1991 

Hofstede, G. (2001). Culture's Consequences: Comparing Values, Behaviors, Institutionsand Organizations across Nations,Thousand Oaks, CA: Sage, 2001

Pasolini, P.P., Lettere luterane, Roma, Unità\Einaudi,1991.


lunedì 25 marzo 2013

GIOVANI SICILIANI E RIVOLUZIONE TUNISINA: QUALI DIMENSIONI CULTURALI IN GIOCO

E vorrebbero sfuggire anche alla fame.

Partendo dal titolo di questo articolo tratto dalla rivista " I Giovani Siciliani" scritto da Marta Bellingred nel gennaio 2012 possiamo osservare la presenza di un avverbio come “ anche “ per segnalare una certa distanza sociale forse non ricercata ma che traspare in questo titolo. Come se non fosse possibile uscire dall'impossibilità di modificare il corso storico della vita. Dalla scelta del titolo non sembra apparire questa necessità di modificare la natura degli eventi dimostrando di poter agire sul contesto.
In questo articolo si introduce il tema delle celebrazioni dalla caduta di Ben Ali mettendo in luce il ruolo delle emozioni di tipo non controllate come un elemento di lettura degli avvenimenti di Tunisi durante la presenza della giornalista a Tunisi. La nozione di "out-group" come dimensione culturale potrebbe essere adoperata per definire il ruolo dei vincitori ossia i giovani perché in questo momento i risultati della rivoluzione sono ricaduti spesso nella parte dei movimenti islamici di stampo letteralisti. Questi gruppi avevano perso la loro faccia collettiva durante il sollevamento tunisino perché i movimenti sorti dal basso erano costituiti da giovani con un approccio ideologico di tipo liberale e secolarista.
Forse in questo comportamento degli islamisti si potrebbe raffigurare l'uso della metafora del Gattopardo come capacità del gruppo più forte di aderire al meglio alle circostanze del momento storico in un dato contesto traendo profitto da questa situazione.
La loro presenza sulla scena politica rappresenta una forte minaccia per il desiderio di riconoscimento della propria faccia collettiva da parte dei giovani insorti tunisini mettendo in luce in modo severo la carenza di una proposta unitaria da parte loro.
Un elemento ricorrente nella scrittura giornalista in merito al tema del mediterraneo è la presenza costante della deissi spaziale per segnalare il ruolo pregnante del contesto. Possiamo sostenere che le società del mediterraneo sono società ad alto indice contestuale in quanto i fatti vengono interpretati in quel dato spazio e con quei dati attori sociali. In pratica viene dato per scontato la conoscenza di tutte le coordinate contestuali.
Ad esempio la manifestazione viene collocata in “ Avenue Habib Bourghiba” all'interno di uno spazio ideologico dove la manifestazione sembra essere in linea paradossalmente con l'atto culturale di andare a fare “ shopping di sabato”. Un elemento ricorrente in questo articolo è la presenza di elementi di ambiguità nelle risposte offerte dal nuovo governo tunisino di fronte alle istanze della propria popolazione. Il governo sembra aderire alla nozione di risposta a lungo termine mentre la popolazione ha palesato il suo bisogno di ottenere delle risposte di tipo “short-term oriented”.
Questo rappresenta un elemento di sicura discrepanza tra le aspettative dei cittadini e quelli dei governanti in termini di gestione del tempo. L'utilizzo dell'ambiguità resta molto elevato da parte della classe politica sia in Italia che nel contesto tunisino.
La nozione di emozione intesa come manifestazione di calore umano viene percepita soltanto all'interno del partito comunista dove la capacità di creare sentimenti di unità e quindi di “ in-group” viene ritrovata tramite i temi della questione palestinese. In pratica il riconoscimento venuto dalla Palestina conferisce un sentimento di faccia riconquistata da parte di un certo gruppo di tunisini.
Durante questa giornata di celebrazione possiamo osservare il ruolo giocato dalle associazioni delle vittime della rivoluzione per segnalare il fatto che hanno perso dei diritti durante i giorni di rivoluzione e sono alla ricerca di un risarcimento simbolico come quello dell'indennizzo oppure quello più ampio della creazione di opportunità di lavoro nelle loro realtà rurali.
Queste persone radunate in piccoli gruppi sembrano interessare poco anche i governanti. Questo sarebbe la dimostrazione che il tema dell'uguaglianza sociale in una società con scarso senso dell'uguaglianza rappresenta la vera dimensione culturale da modificare nel contesto del mediterraneo allargato. In altre parole come diminuire questo orientamento alla non uguaglianza tra membri percepiti come esterni. Il tema cruciale è la ridistribuzione di dignità tra le persone sia sul piano economico ma soprattutto sul piano dell'agire collettivo. Il ruolo della manifestazione serve per rendere collettivo un fatto precedentemente vissuto e sentito come fenomeno individuale.
Allo stesso modo serve per dare visibilità ad una certa faccia collettiva che prende forma uscendo dall'invisibilità come indice della debolezza della propria persona.
L'espressione presente nel titolo “ sfuggire alla fame” segnala una minaccia severa per la faccia collettiva di quelle territorialità dove le dinamiche "centro-periferie" sono state il vero detonatore della crisi. La città rappresenta la modernità e lo stile di vita in linea con quest'atteggiamento mentre la periferia rappresenta il mondo arcano del passato fatto con i suoi tempi e con le sue prassi. Insomma questo mondo non sembra degno delle nostre attenzioni mentre il mondo cittadino rappresenta il futuro della nazione. La dinamica "centro-periferie" potrebbe essere la spia del bisogno di modernità presenti nelle società della riva sud del mediterraneo per coloro che avessero dei dubbi in quanto se il contrario fosse vero i partiti politici più conservatori cercherebbero di favorire il ritorno nei villaggi locali per ripristinare un modo di vita più tradizionale e quindi forse più legato ad alcuni valori religiosi presenti nella religione musulmana.
In maniera costante sembra apparire una crisi forte dell'orientamento a lungo termine nel prendere le decisioni, praticato come consuetudine in tutte le aree del mediterraneo, oggi, sembra essere privato di ogni validità. La sua prassi sembra un atto infelice per dirla alla Searle.
Un tratto culturale che rimane forte è la tendenza ad accettare l'incertezza o l'ambiguità nei confronti della classe al potere. Questa dimensione culturale rappresenta un elemento che potrebbe sancire forti rallentamenti verso la strada di una effettiva riduzione della distanza sociale presente tra membri denominati come " in-group" ed "out-group". Nell'articolo viene affrontato il tema delle violenze sessuali subite dalle donne da parte dei poliziotti durante i giorni della rivoluzione mettendo in luce il rapporto asimmetrico presente tra chi detiene il potere effettivo e compie atti di
Da notare il ruolo giocato dalla “piazza” come spazio culturale dove si occupa lo spazio pubblico per rendere di pubblico dominio quello che precedentemente rimaneva come questione di ordine individuale. In altre parole, i margini di operazione del collettivismo sono aumentati durante il periodo di sollevamento delle popolazioni più marginalizzate dalla crisi.
I gruppi che sono stati molto attivi durante la fase rivoluzionaria come ad esempio i tunisini residenti all'estero, collocati di fatto all'esterno della comunità, cercano di ottenere forme di riconoscimento alla loro faccia collettiva presso le nuove autorità tunisine. Anche in questo caso specifico, il governo è stato molto vago nel rispondere alle aspettative dei membri di questi gruppi di cittadini.
Questi gruppi residenti all'estero, con il loro impegno e con i sacrifici compiuti da parte dei tanti cittadini di attraversare le frontiere, hanno pagato un costo alla loro faccia collettiva molto elevato e sono alla ricerca di benefici alla loro condizione specifica.
Interessanti vedere come il governo, a sua volta, cercherà di potenziare il suo bisogno di faccia positiva di fronte alle autorità italiane, cercando di mettere sul tavolo il tema dei clandestini denominati Harraga da parte dell'articolista come modo di cambiare il modo di indessicalizzare la persona, togliendo quella connotazione culturale di tipo negativo presente nella stampa occidentale.
Il tema degli Harraga così come quelli dei profughi libici come temi centrali dell'agenda politica del ministero dell'immigrazione tunisino servono per collocare all'esterno delle sue funzioni le possibilità di ottenimento dei risultati.
In definitiva, dalla lettura complessiva dell'articolo emerge la necessità per la società civile di essere promotrice in prima persona dei cambiamenti che intende vedere all'interno dello spazio pubblico

Cultural dimension analysis of the article” Senza Papa, senza Duce e senza re” from I Giovani Siciliani

Cultural dimension analysis of the article” Senza Papa, senza Duce e senza re”.

Using the methodological approach from Trompenaars 1994, I will tried to analysis the article from the revue called “I giovani siciliani” from February 2013.
The notion of low power influence it's present in the frequent use inside the title of the italian adverb “ senza” ( in English without) as a element of subalternity present into the speaking community of young Sicilians citizen.
The absence of Pope coming from Germany was a kind of threatening for the face of more flexible region like Sicily in contrast with the more rule oriented approach coming from the German Pope. In this way we assume that Sicilian are more inclined to accept exception than people from north of Europe incline to accept more standardise procedure in accord with Trompenaars about his approach on cultural dimension analysis. “ Senza un duce” like a master to obey in order to put under any situation your weak face and “ senza un re” as a habitus ( Bourdieu) to have some social groups in power with a strong social distance in term of power distance from everyday people.
Indeed we have the absence of the American as a external element inside the history of Sicily in colonial term where the external force determine the winner of the political competition into the island. The subject “ noi siciliani” inform us of a strong perception of being a social group very cohesive with a powerful collectivist approach. In this case, the Sicilians seem to be linked with the same destiny in a very non critical way from my prospective. A very suggestive utterance like “ a chi dobbiamo battere le mani” make clear a idea of weak face in front of new subject of the history for the island. The idea is that the power are somewhere outside the island or from outside our group as sicilians. The notion of in-group present with the “ noi siciliani” will be expanded to all the italian land because in real term we are living a “ meridionalization” of Italy in this last years.
This act of expansion of the in-group notion of Sicilian to all the Italian citizen could be seen in two direction: from a sicilian point of view it's like a way to gain face in front of the internal necessity to be central and capital of something. Otherwise, we can see this act as a strong threatening device to other citizen of Italy that don't want to share this inclusion with the rest of Sicilians people.
The adjective “ qui” as a spatial deissi represent a valorization of the face with a list of negative activities for the island territory and after expanded in all the country. This particularistic group call the “Italian Caste”start this way of life in Sicily with very hilarious politicians, tyranny entrepreneur with mafian attitude, escort-journalist, mediatic empire and political pride from speech convention to juridical trial. This represent a description of a social group in power which is threatening the collective face of Sicilians on the first time and then all the italian citizen on this time.
The basic assumption as Trompenaars underline in this theory is clearly express on the cultural value of “ exhibition” and “ accumulation of power” as a sign of my person inside the italian society. This value became a norm when this need of show off and accumulation of power became a virtu to make a politician career on the last decade and more.
In this article, the notion of person like “ Formigoni”, “ Cuffaro”, “ Lombardi” seem to put a uge social distance between the members of the Sicilians society and the in-group member of the politician class. Extremely significant is the mention of the name of “ Formigoni” as a representative politicians of the Lombard politics as a typical noble of any Sicilian or southern village of Italy. The family name like “ Formigoni” mean really a big social distance with this person because on the last decade the politicians name have a strong correlation with the penal code inside the newspaper. With this approach adopted in this article de facto this relationship between politicians and magistrates represent a lost of face for the majority of the people outside of this mediatic arena dealing with everyday life problem.
Name like “ Bossi-Berlusconi- Il Monte dei Paschi” underline the inconsistency of the northern people to orientalize Sicily and all the south of Italy as a pathology of the country.
In this case, the pretext of having a difference in term of cultural dimension it's just inappropriate and false. With my view , I suggest that to put in evidence the name of politicians in first line represent a need of the Sicilians to give face to people in charge even if they misbehave so strongly.
If we analyse the following sentence “ Il re della Sicilia è il Gattopardo” constitute a utterance with sceptical element inside where the Gattopardo is a metaphor of impossibility of change because everything have to change in order that nothing really change. The person notion of the “ re” ( in English King) mean a need to live with strong social distance between members of the society where the King have a opportunity to use arbitrary power during his kingdom.
The kind in Sicily have the ability of changing face in face of the controversial change present in this moment inside the island. The notion itself of the King mean a presence of ranking of imposition very strong inside the relationship with others members of the society.
The rhetorical question “ Che forma assumerà, questa volta, in Italia? “ appear like a form of weak face from the Sicilian prospective because it put in evidence a strong inclination to scepticism.
This metaphorical figure of the Gattopardo seems to be not a real threatening to the face of other people because it's able to adapt themselves to the new environment with the strong power imposition
that in the world nothing change. Even when the citizen are furious it is something right for the face of the people in need of dignity. They deserve this acknowledgement of face will argue the gattopardian person at the power.
This situation once present into the context of Sicily can be expanded to all Italy from the point of view of the Sicilian revue doing on that way a strong threatening to the positive face of the North of the country. This need of reconnaissance of face are claimed form a in-group position even if during all the article it's seems that the author write in name of the collectivity.
On this moment, the author, probably in line with the Sicilian revue prospective, claim that this need of face it's a urge request of being new subject of the history and not subaltern object of this history.
The presence of struggle moment between members of barony society and citizen from a in-group and out-group prospective appear to be very clear to the author of the article.


domenica 24 marzo 2013

DARE SOSTANZA ALLE COSE

Gli eventi post-elettorali italiani sanciscono, con un po' di fortuna, quello che chiamo adoperando la terminologia di Hofstede la fine di quell'abitudine di prendere le decisioni con un orientamento di tipo lungo ossia rimandare a sine die le decisioni da prendere subito. Dico con speranza questo enunciato pur sapendo che le circostanze sono molto più complicate di quello che appaiono in questo periodo storico.
Il vero dilemma da sciogliere nel contesto italiano e in modo particolare nel contesto meridionale è quello che definisco una forte distanza sociale ed emotiva tra membri sociali che si percepiscono come "in-group" e "out-group", in altre parole, le persone si percepiscono non tanto come individui ma piuttosto come membri o non membri di un dato gruppo sociale. La scelta di non aderire a nessun gruppo sociale, compiuta spesso da alcuni intellettuali, rappresenta a sua volta una decisione di aderire ad un " non gruppo".
A mio vedere, il potenziamento della faccia positiva del cittadino ossia il bisogno di riconoscere la sua faccia come competente e degno di fiducia resta un punto essenziale nel risolvere dal punto di vista culturale la questione delle relazioni tra cittadini ed istituzioni nel contesto allargato del Sud.
Questo atteggiamento può essere ottenuto valutando il cittadino come un membro competente della società. Sappiamo molto bene che nel paese Italia vige un sentimento di abbandono da parte dei cittadini e questo sentimento si focalizza sempre di più nel mezzogiorno del paese perché i cittadini vengono percepiti come non competenti nel dare risposte ai problemi del territorio.
Un ostacolo da rimuovere per avvicinare la cittadinanza alla cosa pubblica è la rimozione dell'uso politico del tecnicismo politico come stile comunicativo di tipo " opaco" per conservare, a mio parere, il potere nelle mani del burocrate o politico di turno.
In questo caso specifico occorre sviluppare un piano da denominare come " Lingua Piena" ossia la lingua amministrativa deve essere costituita da termini concreti che sono facilmente comprensibili da parte della cittadinanza intera. Questa risoluzione servirebbe da un lato a conferire faccia positiva alla cittadinanza e allo stesso tempo a mostrare un rapporto meno distante in termini sociali da parte dello Stato di fronte al cittadino. In seguito, questo stesso atteggiamento permetterebbe alla cittadinanza di poter dibattere in modo democratico all'interno dei vari ambiti di vita pubblica.
Per compiere questo drastico cambiamento occorre rovesciare l'idea che vede l'opacità e l'ambiguità come il marchio di fabbrica di chi detiene il potere e fare emergere una nuova concezione di potere dove i termini chiave sono la delega e la trasparenza.
Un altro punto importante è rappresentato dall'analisi del termine meritocrazia dal punto di vista culturale. Quando si parla di meritocrazia si deve pensare ad alcuni elementi di natura culturale come ad esempio il bisogno di autonomia, d'indipendenza nella scelta, di responsabilità e di atteggiamento coscienzioso. A mio vedere, nella cultura di lavoro in Italia sembra apparire come più cogente il bisogno di fedeltà, di dipendenza, di spirito di servizio. In pratica, i valori culturali presenti all'interno del mondo del lavoro sembrano in dissonanza con quello che viene percepito come desiderato quando si parla di meritocrazia. La prova del mio ragionamento viene fornita dalla prassi della cooptazione la quale implica de facto un sentimento di fedeltà o riconoscimento per la persona che ti ha scelto e una disponibilità a rendere " servizio" a questa persona per molto tempo se non si intende essere definito come una persona " ingrata".  Insomma, i termini culturali come gratitudine e fedeltà vanno sostituiti con autonomia e responsabilità se intendiamo varcare la soglia della vera modernità.
 La stessa coscienza del proprio "io" e delle implicazioni delle proprie azione sarebbero una forma di rimedio per modificare questo "habitus" diffuso nella cultura professionale del paese Italia.
Un'altra dimensione culturale molto presente nell'agire collettivo presente nel Sud dell'Italia è il grado d'imposizione ascritto nelle persone che detengono potere, in altre parole le persone che detengono potere possono usare una certa forza linguistica durante le loro richieste compiute a membri percepiti come esterni del proprio gruppo. Tale comportamento linguistico con forti ramificazioni culturali va indebolito con ad esempio una riduzione dell'utilizzo nella vita quotidiani della famosa "titolomania" tutta mediterranea per agentivare il proprio rapporto con una persona. I titoli allocutivi per rivolgerci alle persone devono avere un valore più democratico come ad esempio " signore, signora" i quali vanno impiegati in maniera più diffusa nella prassi della vita quotidiana.
Sempre all'interno del tema delle dimensioni culturali, un'attenzione particolare va ribadita per la nozione di fatto accaduto piuttosto che cercare le emozioni sottostanti o retrostanti agli eventi.
 In altre parole, a mio vedere, la società italiana dovrebbe abbandonare questa propensione di stampo fenomenologico per aderire ad una visione della realtà più esperienziale dove l'argomentazione del fatto viene percepito come l'unico elemento per sancire la realtà esterna. Ulteriore punto da prendere in considerazione è la forte presenza nel contesto meridionale all'ancoraggio territoriale ( deissi spaziale) ossia il bisogno di aderire in modo quasi totalitario al proprio territorio con espressioni come " noi siciliani, i napoletani". Queste rappresentazioni non permettono facilmente di prendere una benefica distanza emotiva dalla realtà che intendiamo porre in esame.
Per ritornare al tema dell'opacità amministrativa come habitus ( dispositivo consueto per realizzare le proprie azioni quotidiane per dirla alla Bourdieu) serve una forte operazione di "Lingua Piena" o di PLAIN LANGUAGE come è avvenuto in alcuni stati federali americani per rendere la chiarezza espositiva delle leggi un diritto civile di tutti i cittadini presenti sul suolo americano.
Questo bisogno di una lingua chiara serve per rimettere al centro del paese la nozione di cittadino per uscire dalla concezione che vedo lo Stato al servizio degli amministrativi e non al servizio della collettività.
Per compiere tutte queste metamorfosi così radicali serve l'introduzione della "micro-fiducia" per realizzare in tempi brevi le promesse svolte dal personale politico perché un politico che non promette viene destituito dal suo stesso ruolo. Quindi occorre dare fiducia ma con un orientamento temporale di tipo breve affinché si possa valutare in tempi rapidi l'operato di tale persona.
In estrema sintesi, ho tentato di delucidare le varie dimensioni culturali che sono da ostacolo ad un pieno cambiamento della società in questo periodo così cruciale della nostra vita come comunità sia nazionale che comunitaria.

sabato 23 marzo 2013

NOZIONE DI CULTURA IN HOFSTEDE

Quali sono le differenze di natura culturale ( Hofstede) presente nelle società a basso indice di distanza sociale da quelle con alto indice di distanza sociale.

Nelle società a basso indice di distanza dal Potere Nelle società ad alto indice di distanza dal Potere

L'uso del potere dovrebbe essere legittimato ed                Il potere costituisce un fatto basico
 è soggetto ai criteri di bene o male                         della società ed è antecedente al bene o al male.
                                                                                        La sua legittimità è irrilevante.
è soggetto ai criteri di bene o male

I genitori trattano i figli come pari                                    i genitori insegnano l'obbedienza ai figli

Le persone anziane non sono né rispettate né temute            gli anziani vengono rispettati e temuti

L'istruzione viene incentrata sullo studente            l'istruzione è centrata sul ruolo del docente

la gerarchia significa una ineguaglianza dei ruoli       la gerarchia equivale a ineguaglianza
                                                                                    esistenziale
ed è stabilita per convenienza

gli impiegati o subalterni si attendono di essere          i dipendenti si aspettano che gli venga detto
                                                                                      quello che devono fare
consultati

i governi sono pluralistici e tendono a cambiare        i governi sono autocratici e si fondano sulla
in modo pacifico                                                         cooptazione e vengono rimossi tramite
                                                                                    drastici cambiamenti o rivoluzioni.

la corruzione è rara e i scandali portano alla fine della
carriera politica                                                                  la corruzione è frequente e gli scandali
                                                                                           vengono coperti.

la ridistribuzione delle tasse è piuttosto elevata              la ridistribuzione delle tasse è molto debole

la religione enfatizza l'uguaglianza dei credenti           la religione è costituita da una gerarchia
                                                                                      di preti.


Differenze tra una società con debole o forte senso di evitamento dell'incertezza o ambiguità

debole evitamento dell'incertezza               forte evitamento dell'incertezza

l'inerente incertezza della vita viene               L'incertezza della vita viene sentita come una
                                                                          permanente minaccia che va combattuta

accettata e ogni giorno viene preso             presenza elevata di stress, emozioni, ansietà e nevrotismo
così come viene

tranquilla, poco stress, controllo di sé       poca considerazione per il proprio benessere e lo star bene
e bassa ansietà

tendenza al benessere personale e allo star benessere            intolleranza verso persone ed idee

tolleranza verso le persone e le idee divergenti, la                divergenti, la differenza è pericolosa
differenza è curiosa

a proprio agio con ambiguità e caos                                          bisogno di chiarezza e struttura

gli insegnanti possono dire “ non lo so”                                 gli insegnanti possiedono tutte le risposte

cambiare lavoro non è un problema                                  conservare il lavoro anche se non ti piace

non si apprezzano le regole scritte o non scritte               bisogno emotivo di regole anche se non
                                                                                             sempre rispettate

nella politica, i cittadini sono visti come competenti        in politica, i cittadini sono visti come
agli occhi delle autorità                                                        incompetenti dalle autorità

nella religione, la filosofia sono preponderante               nella religione, nella filosofia, credere nella
il relativismo e lo spirito empirico                                  verità e nelle grande teorie


Differenze tra società di tipo collettiviste da quelle di tipo individualistiche

Individualismo                                                       Collettivismo

tutti sono tenuti a badare a se stessi e ai membri       Persone aderiscono a famiglie allargate o clan
stretti di famiglia                                                    che proteggono in cambio di lealtà

Io di tipo coscienzioso                                                   Noi di tipo coscienzioso

diritto alla privacy                                            enfatizzazione dell'appartenenza

parlare per se è cosa buona                                 il mantenimento dell'armonia è prevalente

gli altri sono considerati come individui                   gli altri percepiti come in-group o out-group

opinioni personali ricercata: una persona un voto                 opinioni e votazioni sono dettate
                                                                                  dall'appartenenza al proprio in-group



la trasgressione delle norme genera sentimenti di
colpevolezza                                                                       trasgredire le regole porta a sentimenti di
                                                                                             vergogna
Io è una parola indispensabile nel nostro linguaggio        Io è una parola che spesso viene eliminato

lo scopo dell'istruzione è imparare ad imparare          lo scopo dell'istruzione è quello di imparare
                                                                                                   come fare le cose

i compiti sono più importanti delle relazioni                      le relazioni sono più importanti dei compiti

Dieci differenze tra società femminili e maschili

femminilità                                     mascolinità

differenza di genere bassa in termini sociali e
emozionali                                                      differenza di genere elevata in termini
                                                                      di ruoli sociali e emozionali

gli uomini e le donne devono apparire modesti
e intenzionati                                            gli uomini devono essere assertivi e ambiziosi
                                                                 mentre le donne potrebbero esserlo.

Equilibrio tra vita di famiglia e lavoro                                il lavoro prevale sulla famiglia

il padre e la madre gestiscono i fatti e le
emozioni                                                                 il padre gestisce i fatti e la madre gestisce le
                                                                                emozioni

uomini e donne possono piangere ma entrambi
devono combattere                                                       donne piangono, gli uomini non; gli uomini
                                                                                 devono lottare mentre le donne non dovrebbero.
Le madri decidono il numero di figli                       il padre decide la taglia della propria famiglia

molte donne partecipano alla vita politica                       poche donne partecipano alla vita politica

la religione si concentra sugli esseri umani                     la religione si concentra su dio

la sessualità è un dato di fatto ed un modo
di comunicazione                                                  attitudine moralistica verso la sessualità; il sesso
                                                                                     è visto come un atto performativo


Dieci differenze tra società ad orientamento di breve termine oppure a lungo termine

Orientamento a breve termine                                 Orientamento a lungo termine

i fatti più importanti della vita sono avvenuti        I fatti più importanti della vita devono succedere
                                                                                        nel futuro
nel passato o in questo periodo                     Una persona brava si adatta alle circostanze

stabilità della persona come sempre uguale a          ciò che bene o male dipende dalle circostanze
se stessa

ci sono linee universali a proposito di ciò che           le tradizioni sono modificabili al cambiamento
è bene o male delle situazioni

le tradizioni sono sacrosante                                          la vita famigliare viene guidata da compiti
                                                                                         condivisi

la vita famigliare è guidata da imperativi              cercare di imparare dagli altri paesi è cosa buona

deve essere orgoglioso del proprio paese            il risparmio e la perseveranza sono obiettivi veri

essere al servizio degli altri è importante       attitudine al risparmio e soldi disponibili in caso di

spendere soldi per la vita sociale e il consumo             investimento da compiere

studenti attribuiscono il successo e il fallimento          studenti attribuiscono il successo allo sforzo e
alla fortuna                                                                  il fallimento alla mancanza di sforzo

bassa crescita per i paesi poveri                  crescita elevata per i paesi con un certo livello di
                                                                              prosperità

Dieci differenze tra società di tipo appagate e società di tipo più sobrie

soddisfatti                                                                      vincolati

molte persone si dichiarano felici                    poche persone si dicono felici

una sensazione di controllo della propria vita       un sentimento di abbandono: le cose non dipendono
                                                                              dal mio volere
la libertà di parola sembra un fatto importante          la libertà di parola non è di prima necessità

molto importante il tempo libero                                poca importanza al tempo libero

tendenza a ricordare le emozioni positive                    meno propensi a ricordare le emozioni positive

elevato tasso di nascita nei paesi molto istruiti            basso tasso di natività nei paesi ricchi

elevato numero di persone obese in paesi ricchi                 poche persone fanno sport

tolleranza verso i comportamenti sessuali                     poche persone obese nei paesi ricchi

la sicurezza della nazione non rappresenta                    rispetto delle norme sessuali
una priorità importante                                numero elevato di forze di polizia per il numero di abitanti